SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 28 maggio 2020

LA RECENSIONE DEL LIBRO

09/05/08

Tutto parte da un ritratto del 1784 conservato al museo Correr di Venezia. La scrittrice veneziana Alda Monico è incuriosita da quella donna nerboruta, celebrata campionessa del remo nella città del Doge.
Nasce così Maria della Laguna, tra ricostruzione storica e immaginazione, per raccontare l’epopea di Maria Boscola, la sua passione per la voga e la capacità di conciliare questa con il ruolo sociale di moglie e di madre.

Il romanzo è una straordinaria occasione per immergersi nella quotidianità lagunare del XVIII secolo.