SVN logo
SVN solovelanet
martedì 27 ottobre 2020

Dedicata a Vincenzo la scuola vela

Il circolo napoletano ha intitolato il proprio istituto per insegnare l'attività velica al giovane ragazzo scomparso tragicamente a dicembre durante un'uscita in mare

Abbonamenti SVN
ADV
Napoli – Il Reale Yacht Club Canottieri Savoia ha intitolato la propria scuola vela a Vincenzo Maria Sannino, il giovane ragazzo scomparso lo scorso 9 dicembre durante una lezione in mare proprio presso il circolo partenopeo.
Attraverso una cerimonia che si è tenuta sabato, il presidente del Circolo Savoia Pippo Dalla Vecchia, oltre a scoprire una targa realizzata in onore del giovane, ha voluto ricordare Vincenzo con un commosso intervento. “E' stata la tragedia più grande – ha detto – che io abbia vissuto da presidente di questo circolo e so che per il resto della mia vita continuerò a chiedermi il perchè. Ricordo bene quel 9 dicembre, c'era un grecale leggero che rendeva quella giornata perfetta per regatare. Ringrazio i genitori di Vincenzo per la dignità profondissima e assoluta con la quale hanno affrontato il loro immenso dolore. Da questa vicenda ho ricevuto una lezione che non dimenticherò. Spesso noi generazioni mature abbiamo un atteggiamento sospettoso e critico nei confronti dei più giovani. Ma io quel giorno, e in quelli successivi, ho visto l'amore dei suoi compagni di vela, dei ragazzi che erano in classe con lui. Ho capito che dobbiamo aver fiducia nei giovani e che i ragazzi attuali hanno le capacità e la forza per costruire un grande domani”.
Successivamente è intervenuto anche Carlo Croce, per la prima volta a Napoli nelle vesti di presidente della Federvela italiana. “Mi preme far sapere – ha dichiarato – che conosco Pippo Dalla Vecchia e il circolo che lui presiede da vent'anni. Tutte le regole relative alla sicurezza sono state applicate. In nessun posto come al Savoia si può star certi che ogni norma è osservata e tutto è fatto con professionalità e coscienza. Purtroppo dobbiamo accettare di essere solo stati colpiti da una fatalità orribile e irripetibile”.