SVN logo
SVN solovelanet
domenica 9 agosto 2020

LA RECENSIONE DEL LIBRO

09/02/06

“Ai primordi gli uomini non solcarono i mari, bensì acque tranquille, e non su imbarcazioni ma su qualsiasi cosa galleggiasse (...) ... E quando sorse il desiderio, o la necessità di navigare con qualcosa di più grande (...) nacque la barca fatta di tavole. Fu questa una delle più grandi conquiste dell’uomo preistorico il cui merito va ascritto probabilmente agli Egizi del IV milennio A.C.”.

Per gli appassionati delle imprese marittime dei popoli antichi che non hanno mai trovato oltre i racconti e le vicende più famose, una storiografia completa su questo argomento. Un resoconto sulla storia del marinaio antico, della trasformazione dalle prime e rudimentali imbarcazioni a remi alle navi mercantili, del passaggio da barche di trasporto a navigli militari. Un percorso storico che ricostruisce uno dei rapporti più antichi, quello tra l’uomo e la navigazione, che grazie ai ritrovamenti degli scavi archeologici e agli apporti dell’archeologia subacquea, si arricchisce di nuovi particolari sfatando alcune finte credenze.