SVN logo
SVN solovelanet
domenica 29 novembre 2020

Splendida Luna

Il team italiano si impone nella seconda tappa del circuito riservato agli Extreme 40. Un appuntamento caratterizzato da una terza giornata d'inferno, con quattro scuffie e un disalberamento

Abbonamenti SVN
ADV
Qingdao – E' subito Luna Rossa. Il team italiano comandato da Max Sirena, all'esordio nel circuito Extreme Sailing Series, si è mostrato subito in grado di saper affermare il proprio valore, aggiudicandosi la seconda tappa in scena negli scorsi giorni nelle acqua di Qingdao. Il campo di regata che ha ospitato gli ultimi Giochi Olimpici si è rivelato ancora una volta imprevedibile e di difficile interpretazione, regalando sovente momenti di arie leggere, a cui non si può accorpare la terza giornata di regate. Venerdì, infatti, venti molto instabili e in grado di raggiungere anche i trenta nodi hanno causato ben quattro scuffie (mai successo nella storia dell'Extreme Sailing Series) e un disalberamento. The Wave Muscat, infatti, si è ribaltato dopo essersi ingavonato con lo scafo sottovento. L'antenna si è rotta e il prodiere, Dave Carr, si è infortunato, anche se fortunatamente non in maniera grave.
Per quanto riguarda invece la classifica finale, lo scafo italiano ha saputo costruire la propria vittoria nelle race stadium di sabato. Il timoniere di Luna Rossa, Paul Campbell-James, si è trovato perfettamente a proprio agio tra i refoli della baia cinese, costruendo il vantaggio sul secondo classificato, Emirates New Zealand, che poi è riuscito a difendere la giornata successiva. Barker e compagni hanno infatti concluso la propria fatica con cinque punti di ritardo, davanti a Groupe Rothschild e Red Bull Sailing. Quinto posto per un Alinghi ancora in ritardo rispetto ai più forti, davanti ad Artemis, non brillante come nella prima tappa in Oman. Tappa ancora interlocutoria quella di Niceforyou, l'equipaggio tutto italiano condotto da Alberto Barovier, piazzatosi al decimo posto.
In campionato, Groupe Rothschild mantiene la vetta con venti punti (al vincitore di tappa vanno undici punti), a due lunghezze da Luna Rossa ed Emirates New Zealand. Quarto Red Bull Racing a tre punti dalla vetta, seguito a un solo punto di distacco da Artemis e tre da Alinghi. In sostanza, tutto è aperto e questi sei equipaggi sembra che saranno in grado di contendersi la vittoria finale fino all'ultima tappa.