SVN logo

La ricerca che studia le microalghe per combattere tumori e Covid

A Napoli avviata una ricerca finanziata anche dall’Unione Europea che che studia le microalghe per combattere le malattie degenerative, i tumori e anche il Covid

NSS
ADV
Dal mare potrebbe arrivare una cura contro i tumori, ma anche nuova linfa per lo sviluppo di vaccini e nuove cure nei confronti del Covid.

Ad annunciarlo sono stati i ricercatori dell’Istituto di chimica biomolecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Icb-Cnr) di Napoli dove si sta avviando il progetto Advise (Antitumor Drugs and Vaccines from the Sea) che ha come scopo quello di individuare molecole di organismi marini in grado di essere impiegate per la prevenzione e le cure contro il melanoma, il mieloma multiplo e il cancro polmonare, grazie anche all’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

Il progetto è stato finanziato dall’Unione Europea, dallo Stato Italiano e dalla Regione Campania per circa 12 milioni di euro.

Advise ricerca le molecole organiche che andranno poi a formare i principi attivi dei farmaci. Si va quindi a “caccia” di molecole dalle proprietà immunomodulanti, che trasformate in principio attivo per il farmaco saranno in grado di stimolare il sistema immunitario umano per farlo reagire agli agenti infettivi esterni o cellule alterate come quelle tumorali o di altre patologie.

Queste cellule potrebbero trovarsi in varie specie di microalghe, come è stato già scoperto in passato. L’ambiente marino offre quindi delle opportunità concrete che vanno esplorate.

Queste micro cellule potrebbero essere impiegate anche nei vaccini, incluso vaccini antitumorali, o nella lotta ad altre malattie degenerative.

La ricerca è già iniziata e sono stati selezionati già oltre 1500 campioni. Una di queste molecole, denominata Sulfavant, è stata già sperimentata e avrebbe dato dei risultati molto interessanti.

Addirittura riuscirebbe anche a contenere gli effetti della reazione infiammatoria dell’organismo colpito da Covid 19.

Dal mare insomma arriva una speranza concreta per la salute dell’uomo.


© Riproduzione riservata