SVN logo
SVN solovelanet
martedì 22 settembre 2020

La nuova dimensione degli IMOCA

La classe IMOCA cerca di ottimizzare il ritorno economico fondando una società ad hoc per lo sfruttamento dei diritti , l’OSM (open sports management)

Abbonamenti SVN
ADV
Losanna - Gli skipper del Vendée Globe, i loro sponsor, gli organizzatori delle regate in solitario o in doppio e le figure chiave dello sport si sono riuniti lo scorso venerdì, 26 aprile, a Losanna per la cerimonia di premiazione del campionato del mondo IMOCA e per il lancio ufficiale di OSM (Open Sports Management) , l’organizzazione che gestirà la commercializzazione e lo sviluppo de circuito a livello internazionale.

Nel corso dell’evento è stato assegnato il titolo di campione del mondo IMOCA a François Gabart, 30 anni e vincitore in 78 giorni del Vendée Globe, il giro del mondo in solitario a bordo di MACIF.

Sempre fedeli al loro approccio di condivisione e apertura, inoltre, gli skipper presenti si sono prestati a partecipare a una regata molto speciale, corsa sui piccoli Optimist contro i giovani allievi della locale scuola di vela.

L’evento ha rappresentato anche l’occasione per Sir Keith Mills, di presentare ufficialmente OSM, la società creata in gennaio a Losanna e che si occuperà della gestione dei diritti commerciali della classe IMOCA e del relativo sviluppo a livello internazionale.

Il presidente di OSM ha ricordato quali sono gli obiettivi fondamentali di questa nuova avventura: “Grazie alla nuova stazza approvata la scorsa settimana, ora abbiamo delle barche con caratteristiche nuove. Quindi è nostra intenzione creare un nuovo circuito internazionale per accogliere team provenienti da tutto il mondo e che possa portare le barche in nazioni finora mai visitate, in modo particolare negli Stati Uniti e in Asia. Con il contributo di altri sponsor, l’ambizione è dunque quella di proiettare la classe IMOCA verso una nuova dimensione. Investendo nella tecnologia, desideriamo condividere al meglio con i fan di tutto il mondo, i contenuti e le storie che fino a ora non sono state sfruttare adeguatamente, le imprese di questi velisti eccezionali che praticano lo sport che maggiormente rispetta la natura e l’ambiente."

Luc Talbourdet, presidente di IMOCA, l’associazione che rappresenta gli skipper, ha dichiarato: “OSM e Sir Keith Mills lanciano un segnale forte alla comunità della vela oceanica con questa cerimonia di premiazione a Losanna, alla presenza di un parterre di rappresentanti delle maggiori organizzazioni sportive europee e della stampa mondiale. Siamo coscienti di avere un grande potenziale, e oggi sappiano di aver anche i mezzi per sfruttarlo e svilupparlo.”