SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 28 settembre 2020

Segnali di ripresa da Dusseldorf

A varcare i cancelli del Boot dal 17 al 25 gennaio sono state 238.000 persone provenienti da 65 nazioni, circa il dieci per cento in meno rispetto alle 267.000 del 2008

FeB
ADV
Dusseldorf - Buone notizie dal salone di Dusseldorf, almeno stando ai dati comunicati dagli organizzatori. Se è calato il numero dei visitatori, lo stesso non si può dire per gli affari conclusi dalle aziende presenti all’evento, molte delle quali hanno firmato contratti e registrato vendite superiori a ogni aspettativa.
A varcare i cancelli del Boot dal 17 al 25 gennaio sono state 238.000 persone provenienti da 65 nazioni, circa il dieci per cento in meno rispetto alle 267.000 del 2008. La soddisfazione della maggior parte dei 1.641 espositori presenti nei 220.000 metri quadri del quartiere fieristico è derivata però dal fatto che il 60 per cento del pubblico ha comprato qualcosa o effettuato un’ordinazione e il 70 per cento ha dichiarato di avere in programma l’acquisto di una barca o di equipaggiamento per l’anno prossimo.
“Il Boot – ha dichiarato un contento Werner Matthias Dornscheidt, amministratore delegato di Messe Dusseldorf – si è rivelato ancora una volta un importante barometro per l’andamento economico del settore e ha fornito nuovi stimoli al mercato”. Una conferma a queste dichiarazioni è arrivata da Michael Schmidt, amministratore delegato di Hanse. “Il salone di Dusseldorf – ha detto il dirigente del cantiere di Greifswald – è stato un grande successo per noi. In termini di vendite è stato uno dei migliori momenti della stagione. Le nostre previsioni sono state largamente superate”.
Calato il sipario sulla quarantesima edizione, nella città tedesca distante duecento chilometri dal mare si pensa già all’anno venturo: il prossimo Boot si terrà dal 23 al 31 gennaio 2010.