SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 24 settembre 2020

Le aspettative del Seatec

A tre mesi dall’evento, Marina di Carrara si prepara a ospitare visitatori e aziende. Per un edizione che, secondo gli organizzatori, riuscirà a ripetere gli ottimi numeri della passata stagione

Abbonamenti SVN
ADV
Marina di Carrara – Anche se mancano ancora tre mesi all’apertura dei cancelli, CarraraFiere, ente organizzatore di Seatec, il salone di Marina di Carrara dedicato al mondo degli accessori, ha voluto tracciare un primo bilancio della campagna adesioni. Secondo gli organizzatori dell’evento che si terrà dal 10 al 12 febbraio 2010, la kermesse toscana riuscirà a mantenersi sugli stessi livelli dell’anno scorso.
“Il trend della partecipazione a Seatec 2010 – ha detto Paris Mazzanti, direttore generale di CarraraFiere – è in linea con quello delle edizioni precedenti. Le prime iscrizioni sono pervenute subito dopo la fine della scorsa edizione e poi ci sarà, come di consueto, una corsa finale da parte degli espositori che confermeranno la loro presenza non prima di dicembre e gennaio”.
Uno degli obiettivi di CarraraFiere è quello di aumentare il tasso di internazionalità dell’evento. L’anno scorso, la quota di espositori stranieri si è attestata al trentatre per cento. Di questi, il 60 per cento appartenente ai paesi europei, il venti per cento agli Stati Uniti e la restante porzione ad altre nazioni come il Giappone e la Corea. Il numero di aziende presenti all’evento è tuttavia cresciuto di anno in anno, come l’importanza e il riconoscimento mondiale del salone carrarese. Dai 150 espositori del 2004, si è infatti arrivati ai 963 della passata stagione.
Le stime di CarraraFiere riguardano anche l’affluenza di visitatori e operatori. Avendo spostato la manifestazione nei giorni infrasettimanali per favorire le contrattazioni di mercato, l’obiettivo degli organizzatori è quello di raggiungere un’affluenza di 14.000 persone, con almeno il quindici per cento di provenienza dall’estero.