SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 24 settembre 2020

Stoccolma un po' amara

Affluenza in calo e pareri discordanti per il nautico scandinavo a cui hanno partecipato poco meno di cinquecento aziende

Abbonamenti SVN
ADV
Stoccolma – Aziende e organizzatori speravano che l'Allt For Sjon, il salone nautico che si è tenuto a Stoccolma dal 6 al 14 marzo, potesse andare meglio. E' infatti calata l'affluenza e il giro d'affari non è stato così abbondante da far tornare a casa tutti i 463 espositori presenti con fondate speranze di una ripresa immediata.
A varcare i cancelli della manifestazione scandinava sono stati 47.000 visitatori, il 4 per cento in meno rispetto ai 49.000 dell'anno scorso. “Il fatto che la Svezia – ha detto Mats Eriksson, presidente della confindustria nautica svedese – abbia vissuto il peggior inverno degli ultimi trenta anni può avere influito. C'è comunque spazio per un po' di ottimismo in futuro”.
Pareri discordanti, invece, quelli delle aziende presenti. “Abbiamo visto parecchia gente – ha detto Mats Melbin, direttore di Anytec (cantiere di barche in alluminio dai 5 ai 13 metri) – e tanti potenziali acquirenti. Alcuni nostri dealer hanno venduto diverse barche”. Il settore che è rimasto meno soddisfatto è stato probabilmente quello degli accessori. “Il salone di Stoccolma – ha detto Stefan Jarleby, presidente di Noa Aluminium AB (attrezzatura di coperta) – è stato certamente più calmo rispetto agli altri anni. II nostri Open Days presso lo stabilimento di Orust hanno generato più affari che questa manifestazione, nonostante i visitatori fossero appena un terzo dell'Allt for Sjon”.