SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 4 giugno 2020

Scoglio d’Africa, primo salvataggio del post lockdown

Venerdì scorso la Guardia Costiera è intervenuta per salvare delle persone a bordo di una barca di 7 sette metri che erano alla deriva vicino allo scoglio d’Africa

SailItalia
ADV
Isola d’Elba – Alle 22,15 di venerdì 15 maggio alla Guardia Costiera di Portoferraio è arrivato il primo mayday da un’unità da diporto dell’epoca post lockdown.

A lanciare la richiesta di soccorso un natante di sette metri con due persone a bordo che a causa del vento che rinforzava e il mare che si stava alzando, non riusciva più a governare e stava andando alla deriva a largo dello Scoglio d’Africa, a qualche miglio di distanza dall’Isola di Pianosa.

La Guardia Costiera ha fatto subito uscire una motovedetta SAR che ha raggiunto i due uomini appena dopo la mezzanotte. Controllato che i due stessero bene la motovedetta li ha scortati sino all’Isola di Pianosa, dove però non sono riusciti ad entrare in porto a causa del mare mosso.

A quel punto la motovedetta ha scortato la piccola barca e il suo equipaggio a Marina di Campo, all’Elba, dove sono arrivati alle 5,20 del mattino.

Sono in corso gli accertamenti di rito da parte della locale Autorità Marittima finalizzati a verificare l’avvenuto rispetto delle vigenti normative in materia di sicurezza della navigazione.