SVN logo
SVN solovelanet
domenica 25 ottobre 2020

Franz Maas muore nel naufragio della sua barca con altre due persone

Capella, la barca di Franz Maas, perde la chiglia e si ribalta nel Mare del Nord

Abbonamenti SVN
ADV
Ostenda (Belgio) - Sabato mattina l’imbarcazione a vela Capella di Franz Maas, il progettista olandese autore tra l’altro dell’Aloa 27 e del Solaris 36, durante una regata alla quale partecipavano 25 imbarcazioni, ha improvvisamente perso la chiglia e si è ribaltata immediatamente.

A bordo sei persone di cui tre sono state tratte in salvo circa 7 ore dopo e immediatamente ricoverate in ipotermia. I superstiti erano abbarbicati sullo scafo. Per Franz Maas, che aveva 79 anni, e per un altro membro dell’equipaggio 70enne non c’è stato nulla da fare, i loro corpi sono stati recuperati senza vita. Sospese invece le ricerche della terza vittima, un ragazzo di 18 anni.

Le operazioni di ricerca purtroppo sono iniziate diverse ore dopo l’incidente perché non c’è stato il tempo di lanciare un segnale di soccorso e nonostante l’imbarcazione fosse a poche miglia dal porto i superstiti sono rimasti sulla carena della barca per molte ore.

Se i tre non fossero riusciti a salire sullo scafo sarebbero morti per il freddo, l’acqua anche d’inverno a quelle latitudini supera di poco i 10 gradi.

La barca è stata rimorchiata in porto per capire la dinamica dell’incidente e del perché la barca abbia perso la chiglia.