SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 1 ottobre 2020

Nelle prime 24 ore venti leggeri

I sei team partecipanti alla Volvo Ocean Race, che hanno preso il via domenica da Città del Capo per la seconda tappa, si sono trovati in condizioni diametralmente opposte a quelle del debutto da Alicante, con venti molto leggeri che li hanno rallentati

FeB
ADV
Oceano Indiano - Dopo una partenza veloce e spettacolare, i sei equipaggi impegnati da domenica nella seconda tappa della Volvo Ocean Race da Città del Capo ad Abu Dhabi si sono trovati ad affrontare la frustrazione di procedere a velocità basse, in una brezza effimera e con una forte corrente contraria a poche centinaia di metri dalla costa, situazione che ha persino costretto i leader della classifica generale di Team Telefonica a dare ancòra.
Nelle prime ore del mattino di lunedì, finalmente, tutti sono riusciti a passare il Capo di Buona Speranza, ad appena 35 miglia da Città del Capo. Una situazione meteo dovuta al passaggio molto più veloce del previsto di una bassa pressione che i team speravano di poter sfruttare per allontanarsi dalla costa occidentale dell’Africa. La flotta si prepara a passare il capo di Agujas, il punto più meridionale del continente africano che fa da spartiacque fra l’oceano atlantico e l’indiano.

Ora navigatori e tattici si trovano di fronte a una decisione molto complessa, ossia se optare per una rotta a sud o una a est.

L’andamento della regata può essere seguito sul sito ufficiale, con lo strumento della cartografia e posizioni aggiornate ogni tre ore http://www.volvooceanrace.com/en/racetracker/rdc.html

Classifica provvisoria seconda tappa, 12 dicembre alle ore 13 GMT
1. Groupama sailing team (Franck Cammas)
2. CAMPER con Emirates Team New Zealand (Chris Nicholson), +0,6
3. PUMA Ocean Racing powered by BERG (Ken Read), +4,3
4. Team Sanya (Mike Sanderson), +9
5. Abu Dhabi Ocean Racing (Ian Walker), +12,8
6. Team Telefónica (Iker Martínez), +19,8