SVN logo
SVN solovelanet
venerdì 25 settembre 2020

50.000 alla regata virtuale. Vince un francese

La prima tappa ha riscosso un'incredibile successo: 50.000 velisti virtuali si sono imbarcati da Alicante alla volta di Città del Capo. Tra questi l'ha spuntata un francese, Bruno Ferrando

Abbonamenti SVN
ADV
Città del Capo - E' VoR-mania anche nel web. Sul portale della competizione transoceanica, infatti, è possibile iscriversi a una regata virtuale, percorrendo le stesse rotte degli otto team veramente in gara. Si tratta di un gioco divertente, che permette di scegliere il percorso e il piano velico ideale in base al reale evolversi delle condizioni meteo. E che tiene conto di tutti gli inconvenienti che possono capitare, come avarie alla barca o la rottura di qualche ala in seguito a decisioni troppo azzardate.
La prima tappa ha riscosso un'incredibile successo: 50.000 velisti virtuali si sono imbarcati da Alicante alla volta di Città del Capo. Tra questi l'ha spuntata un francese, Bruno Ferrando, a “bordo” della sua Aldabra, dopo oltre ventitre giorni di navigazione. “Sono provato - ha raccontato - ma compiaciuto per aver ricevuto centinaia di complimenti in tutte le lingue”. Il giocatore ha vinto un orologio, ma probabilmente il premio più grande è stato costituito dal primeggiare tra così tanti concorrenti, iscritti da ogni parte del mondo. “Mi sono collegato tutti i giorni - ha detto - in alcuni casi anche di notte. A seconda della situazione meteo è stato necessario connettersi più o meno frequentemente. I momenti difficili sono stati il passaggio di Gibilterra, da superare il prima possibile per non imbattersi in lunghi momenti di bonaccia, e l'attraversamento dell'equatore dove era facile rimanere impantanati tra le calme”. Bruno, però, è soltanto un velista virtuale. “Sfortunatamente - ha concluso - non vado in barca, anche se spero di poterlo fare presto. Ho sempre sognato di cirumnavigare il globo. Su internet, tuttavia, non sono alla prima regata. Ho partecipato a una Route du Rhum nel 1986 quando ancora c'era il Minitel (un antenato di Internet) e sono arrivato secondo all'AG2R di quest'anno”.
Tra poco, il 15 novembre, sarà il tempo di levare nuovamente gli ormeggi cibernetici, alla volta di Kochi. C'è da supporre che gli iscritti saranno ancora di più.