SVN logo
SVN solovelanet
domenica 27 settembre 2020

La conta dei danni

Ha lasciato le ossa rotte a barche ed equipaggi l'ultima tappa delal Volvo Ocean Race. Ericsson 3 si trova ancora a Taiwan e probabilmente non riuscurà a partire in tempo per il prossimo trasferimento

Abbonamenti SVN
ADV
Qingdao – Si sapeva che sarebbe stata una tappa tremenda, ma non era immaginabile che potesse lasciare strascichi così pesanti. Il quarto trasferimento d’altura della Volvo Ocean Race, da Singapore a Qingdao, ha difatti visto approdare nel porto cinese soltanto quattro delle imbarcazioni in gara, le uniche che fra tre giorni parteciperanno alla In-Port Race (una regata tra le boe). Ancora non si è certi, invece, su quali team si presenteranno all’appuntamento del 14 febbraio con la quinta tappa, la lunghissima Qingdao-Rio de Janeiro (12.000 miglia), che con due scoring gate assegnerà molti punti.

Ericsson 3 attualmente si trova ancora a Taiwan, in un cantiere dove sta ricevendo le dovute riparazioni. L’obiettivo del team scandinavo è quello di riprendere il mare il prima possibile, navigare fino a Qingdao, cogliere il quinto posto della terza tappa (le permetterebbe di ricevere quattro punti anzichè i due che spettano a chi non completa il trasferimento) e ripartire insieme agli avversari per Rio de Janeiro. Nel frattempo, il direttore generale Richard Brisius ha confermato come skipper Magnus Olsson, il velista svedese con sei VoR alle spalle, che ha sostituito già nell’ultima regata Anders Lewander.

Non vivono giorni migliori Telefonica Black e Delta Lloyd, che non parteciperanno neanche alla quinta tappa. Il primo sta addirittura facendo marcia indietro verso Singapore, dove ultimerà le riparazioni e sarà trasportato a Rio de Janeiro; il secondo è ancora a Taiwan, anch’egli in attesa di riunirsi alla flotta direttamente nella città brasiliana.
Si va, quindi, verso una In-Port Race surreale (in programma sabato 7 febbraio), con soltanto quattro barche in gara. Acquisisce, pertanto, un grande valore l’impresa di Green Dragon che in condizioni proibitive ha raggiunto Qingdao con le proprie forze, ha conquistato il quarto posto nella tappa, domani riprenderà ad allenarsi in mare e sabato sarà regolarmente in gara. Non importa con quale risultato; creerà in ogni modo un bel divario tra sè e tutti gli avversari con le ossa rotte.