SVN logo
SVN solovelanet
martedì 29 settembre 2020

Ecco Auckland, l'ultimo tassello

Con la scelta della città neozelandese, è stato definito il percorso della competizione transoceanica. La VoR torna in una delle nazioni che più l'hanno fatta da padrone

FeB
ADV
Alicante – Definito il percorso della prossima Volvo Ocean Race, che partirà nell'ottobre del 2011. E' infatti Auckland l'anello mancante del tragitto, fatto di dieci scali, che dovranno compiere i team in gara.
Una scelta significativa, quella della città neozelandese, che riporta la competizione transoceanica in una nazione che ne è stata spesso protagonista. E forse potrebbe essere il preludio a una partecipazione kiwi, perchè in un tempo in cui la Coppa America non navigava in buone acque, proprio Grant Dalton, patron di Emirates New Zealand, aveva strizzato l'occhio alla Volvo Ocean Race.
“E' un grande piacere – ha detto Knut Frostad, organizzatore della regata – tornare con la VoR in Nuova Zelanda. La popolazione locale ha un grande amore per la vela e per questa regata. Molti dei velisti più famosi al mondo sono nati in questa terra e siamo sicuri che Auckland saprà fornire una grande accoglienza agli equipaggi in gara”.
La Nuova Zelanda è stata da sempre una delle nazioni protagoniste di questa competizione. Già ai tempi della Whitbread Race, con cinque partecipazioni e una vittoria (nel 1989-90 con Steinlager 2) da parte di Sir Peter Blake. Lo stesso Grant Dalton ha preso parte a sei edizioni della regata, vincendo nel 1981-82 su Slyer e nel 1993-64 con New Zealand Endavour in classe Maxi.
Ad Auckland le barche arriveranno da Sanya, in Cina, e poi partiranno alla volta di Itajai con l'obiettivo di doppiare Capo Horn.