SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 22 ottobre 2020

Nuovo Wally 110, Barong D è in acqua

Il varo del nuovo Wally 110, Barong D
Il varo del nuovo Wally 110, Barong D
Il varo del nuovo Wally 110, Barong D

Il Supertecnologico nuovo Wally 110 è stato disegnato da German Frers e Luca Bassani

Abbonamenti SVN
ADV
Marina di Ravenna – Il Barong D, il nuovo Wally 110, è sceso in acqua. La barca, che è stata disegnata da German Frers per le linee d’acqua e la coperta, e da Luca Bassani per quanto riguarda stile e interni, è il terzo Wally posseduto dallo stesso armatore che nel 2000 aveva il Barong B, un Wally 80 che fu sostituito dal Wally 94 Barong C nel 2005 che oggi lascia il posto a questo nuovo 110 piedi.

Questo nuovo Wally è decisamente bello. Un mostro da 33 metri e mezzo con uno scafo largo che lo fa sembrare più basso sull’acqua e con degli interni minimalisti dalle linee pulite e affascinanti.

La richiesta dell’armatore era per una barca molto veloce che potesse ben figurare in regata, ma che soddisfacesse anche le sue esigenze di vivere la barca per diversi mesi l’anno in crociera.

“Wally ha impiegato tutto il suo know how per realizzare questo superyacht che pesa solo 65 tonnellate – dice Luca Bassani Presidente e amministratore delegato del cantiere. – Due tonnellate in meno di quanto previsto a livello progettuale e il 35% in meno della media di altre barche di questa grandezza.”

La barca è stata realizzata in carbonio prepreg. Un altissimo livello di tecnologia è stato utilizzato anche per il sistema elettrico che prevede dei quadri elettrici particolarmente leggeri e cavi dotati di un sistema di monitoraggio di tutto ciò che accade sulla barca.

Il sistema idraulico è molto potente. Questo è in grado di raggiungere i 350 bar di pressione massima e dispone di elettrovalvole controllate da un software dedicato per ottimizzare la velocità delle manovre.

Il nome Barong deriva da una danza sacra balinese. Nella danza il Barong è il dio animale del Bene e della Fertilità, questo è rappresentato da una maschera rituale mossa da due uomini che ne prende il nome.