SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 30 novembre 2020

Ceto, i dissalatori del futuro

In Australia sono in fase di costruzione dei desalinizzatori molto potenti che non consumano combustibile per funzionare

Abbonamenti SVN
ADV
Perth (Australia) – Dopo uno studio di qualche anno, la Carnegie Wave Energy, con il supporto dell’azienda dell’acqua australiana Water Corp, ha iniziato a realizzare un prototipo di desalinizzatore ad osmosi inversa auto-alimentato grazie a contributo di 1,2 milioni di dollari australiani.

In alcune zone dell’Australia, l’acqua dolce, è un problema. A Perth, metà dell’approvvigionamento di acqua dolce viene dai desalinizzatori, i quali per funzionare consumano un’ingente quantità di energia elettrica o combustibile e contribuiscono notevolmente all’inquinamento della zona in cui sono realizzati.

Carnegie Wave Energy ha messo a punto una particolare boa di grandi dimensioni che sommersa a circa 25 metri di profondità è fatta oscillare dal movimento delle onde, il movimento produce l’energia necessaria a far funzionare le pompe per il processo di desalinizzazione.