SVN logo
SVN solovelanet
sabato 31 ottobre 2020

Luffe 36.6, il ritorno alla balsa

Sarà presentato all’Hanseboot il nuovo Luffe 36.6, fast cruiser di qualità completamente in epossidica

Abbonamenti SVN
ADV
Amburgo (Germania) – Il 25 ottobre aprirà le porte il 55esimo Hanseboot, uno dei grandi saloni tedeschi. Qui sarà possibile vedere per la prima volta il nuovo Luffe 36.6.

La barca che, come dice il punto, è una rivisitazione di un modello già esistente, propone una linea decisamente scandinava con angoli decisi e spazi perfettamente delimitati destinati a ispirare nel visitatore una sensazione di solidità.

Solidità che non solo appare, infatti il Luffe 36.6 è uno scafo completamente laminato in epossidica con stuoie di E-glass stese in un’unica soluzione per tutta la lunghezza dello scafo per mantenere integra la fibra. Lo stratificato è ottenuto con un accurato processo di infusione. Il core del sandwich è la balsa. Il core in legno naturale è una scelta ormai rara perchè molto costosa. Le motivazioni che hanno portato il cantiere a tornare alla balsa sono da ricercarsi nell'ottimo rapporto peso resistenza di questo materiale.

La barca, disegnata dal danese Oluf Jørgensen, è destinata alla crociera veloce con uno scafo dalle diagonali tirate e una poppa larga con pozzetto chiuso e ben riparato.

Lo scafo, come vuole la scuola scandinava, ancora presenta degli slanci sia a poppa che a prua che danno alla silhouette un aria un po’ retrò, da inizio anni novanta.

Gli interni lavorati con maestria e cura presentano due cabine e un bagno di cui l’armatoriale è a prua. Nel Luffe 36.6 tutto è molto tradizionale realizzato cercando la qualità del prodotto.

Luffe 36.6
L.f.t. 11,00 m
L. galleggiamento 9,90 m
Baglio massimo 3,16 m
Pescaggio 1,70/1,90
Dislocamento 5.300 kg
Zavorra 1.960 kg

Randa 37 mq
Fiocco autovirante 27,00 mq
Gennaker 98,00 mq
Code 1 57,00 mq