SVN logo

Uomo in mare, l’equipaggio non lancia l’allarme

Sconcertante comportamento di un equipaggio francese che, perso un uomo in mare, non si preoccupa di dare l’allarme

Abbonamenti SVN
ADV
St Peter Port Guernsey (UK) – Sabato mattina, 11 maggio, un First 305 battente bandiera francese con quattro persone a bordo e tutti gli strumenti di comunicazione in perfetto ordine, ha perso un uomo in mare mentre stava attraversando il canale della Manica.

L’equipaggio, secondo le dichiarazioni rilasciate, ha provato a recuperare l’uomo per circa venti minuti, dopo di che, non riuscendo a completare il salvataggio, ha abbandonato il compagno in mare denunciando il fatto solo dopo essere rientrato in porto.

La storia ha dell’incredibile e sembrerebbe essere un film dell’orrore.

Sabato mattina il First 305 Jouvente con quattro persone a bordo, tutti amici da oltre 40 anni, tra i quali il 63enne Rene Yves Louis Morvan, è salpata da Dartmouth nell’Inghilterra meridionale, diretta, attraverso il canale della Manica, a Binic, sulla costa settentrionale della Francia. Durante la navigazione il tempo è peggiorato e l’equipaggio ha deciso di ripararsi nell’isola di Guernsey, al centro del canale, dove, Rene Yves Louis Morvan, che indossava il giubbotto salvagente a causa delle onde molto grandi, è caduto in mare.

Gli uomini dell’equipaggio hanno dichiarato di aver lanciato immediatamente al compagno una cima e che, non riuscendo a recuperarlo, hanno fatto manovra per cercare nuovamente il recupero ma che un’onda ha alzato la barca e l’ha gettata addosso al naufrago che dopo poco è riemerso ancora vivo. Al terzo tentativo lo skipper ha giudicato che la barca fosse troppo vicina agli scogli e in pericolo, ha perciò ripreso il largo e deciso di abbandonare Morvan al suo destino.

La cosa incredibile è che nessuno si è preoccupato di lanciare l’allarme. Dallo Jouvente, non è partito alcun segnale di soccorso nonostante la radio funzionasse benissimo, tanto che uno degli uomini ha chiamato la torre di St Peter Port per chiedere se in porto ci fosse posto, non facendo, però, cenno all’incidente. Lo skipper ha informato le autorità di aver perso un uomo in mare, solo dopo essersi ormeggiato in porto.

“In 30 anni di questo mestiere, ne ho viste tante, ma una cosa così non mi era mai capitata”, ha dichiarato il direttore del porto di St Peter.

Intorno al luogo dove è accaduto l’incidente ci sono 4 stazioni radio molto vicine, se gli uomini avessero dato l’allarme, i soccorsi sarebbero partiti immediatamente.

La polizia inglese, ascoltata la storia, ha tratto in arresto i tre uomini per poi rilasciarli più tardi permettendogli di tornare in Francia in attesa dell’inchiesta.

Il corpo di Rene Yves Louis Morvan è stato recuperato giovedì pomeriggio sulle coste francesi.


© Riproduzione riservata