SVN logo
SVN solovelanet
sabato 31 ottobre 2020

Stratosferico Coville, è in vantaggio

Recuperate mille miglia nel giro di pochi giorni sul tempo di Joyon. Ora, a far tremare il francese c'è il Pot au Noir e una rottura alla crash box

Abbonamenti SVN
ADV
Oceano Atlantico – Impresa ai limiti del possibile quella di Thomas Coville, il velista francese impegnato nel migliorare il record sul giro del mondo in solitario, che nel giro di pochi giorni ha recuperato uno svantaggio di circa mille miglia sul riferimento cronometrico di Francis Joyon. Ora, infatti, il velista transalpino si trova a navigare a ridosso della costa brasiliana con 160 miglia di vantaggio nei confronti del connazionale, che completò il periplo del pianeta con la sua Idec in 57 giorni, 13 ore e 34 minuti.
Decisiva è risultata la scelta tattica di buttarsi sotto costa, premiata da una finestra meteo particolarmente favorevole che ha fatto scomparire in poche ore l'enorme svantaggio di circa 900 miglia che Coville si è portato come un fardello per quasi tutta la traversata. Saranno senza dubbio esaltanti i prossimi giorni. Sodeb'o è atteso da un passaggio del Pot au Noir particolarmente impegnativo, con venti che non potrebbero sempre essere costanti. Va sottolineato come neanche Joyon in questo tratto riuscì a spingere al massimo, anche se poi affrontò un ultimo tratto di Atlantico a velocità sostenuta. Miglia a questo punto decisive per questo duello che dura ormai da un mese e mezzo.
Infine, Coville dovrà fronteggiare anche un problema con la crash box, che si è rotta negli scorsi giorni dopo un impatto, probabilmente contro un cetaceo. Sodeb'o è dotato di una struttura a doppio guscio per riparare le sezioni di prua, ma il navigare a velocità sostenute potrebbe causare una consistente delaminazione dello scafo. Staremo a vedere, anche se il velista transalpino ha detto di non essere per nulla intenzionato a tirare il freno a mano.