SVN logo
Denecia approdi nella pandemia
  • formato: libro

    Autore: Roberto Soldatini Editore: Mursia Genere: Uomini e Marinai Anno pubblicazione: 2021 Pagine: 222 Euro: 17 https://www.mursia.com/products/roberto-soldatini-denecia-approdi-nella-pandemia?_pos=1&_sid=7bfd98311&_ss=r

    LA RECENSIONE DEL LIBRO

    05/02/21

    Chi prende in mano ‘Denecia approdi nella pandemia’, l’ultimo libro pubblicato da Roberto Soldatini, il quarto della sua nuova vita da scrittore e marinaio, non si aspetti di leggere un classico diario di viaggio.

    E’ un libro che mette i brividi, non per le lunghe traversate o le pericolose tempeste affrontate dall’equipaggio come medicane Ianos, ma perché il Maestro con il suo Moddy 44 affronta una navigazione nell’annus horribilis, quello della pandemia, attraversando i paesi battuti dal virus Covid-19 .

    A metà tra un portolano e un reportage, il racconto si snoda dalla partenza dal porto di Napoli, in una situazione di emergenza nazionale, in cui tuttavia i problemi maggiori sono causati dai burocrati che costringono Denecia a trasformarsi suo malgrado in una “barca pirata”, come viene definita sui titoli dei giornali, dopo il suo approdo a Capri a poche ore dalla partenza.

    Il viaggio prosegue poi tra cavillosi controsensi normativi verso Grecia, Albania, Croazia, verso la meta ultima: Venezia, proprio dove per la prima volta nel 1630, fu coniata la parola “pandemia”.

    Un viaggio attraverso negazionisti del virus, la paura del contagio, confini da attraversare con norme mal rispettate oppure imposte in modo ottuso, banchine e città affollate da vacanzieri “smascherati” o approdi e porti meravigliosi nella loro desolazione.

    È una visione dal mare di una terra che cambia, non solo geograficamente lungo le tremila miglia di navigazione, ma anche nel modo di vivere, di relazionarsi e di comportarsi di una società dominata dall’”infodemia” mediatica.

    “Denecia approdi nella pandemia” non è solo la storia di un viaggio, ma anche il racconto di un amore, quello che si intrufola nello speciale rapporto decennale, tra lo skipper solitario e la sua barca, e che accompagna Soldatini durante la crociera della sua nuova vita, proprio nell’anno dei suoi sessant’anni.

    Un anno che tutti ricorderanno.