SVN logo
SVN solovelanet
venerdì 5 giugno 2020

Gli incontri del circolo Sferracavallo: Margherita Porro e Sofia Leoni

I velisti quando non possono andare in barca si ingegnano e così ha fatto il circolo di Palermo Sferracavallo che annovera una lunga serie di velisti di altissimo livello ai quali ha chiesto di raccontare le loro storie in video. Video che trasmette tutti i martedì e i venerdì

SailItalia
ADV
Palermo - Continuano gli incontri in video del circolo Sferracavallo che propone incontri con protagonisti della vela, soci del circolo, che raccontano le loro storie. Martedì scorso è stato pubblicato il primo video della serie che vedeva come protagonista Francesco Bruni del Team Luna Rossa di questa serie.

Oggi il circolo ha pubblicato un simpatico video con protagoniste due ragazze tanto giovani quanto brave, Margherita Porro e Sofia Leoni che regatano insieme in classe 29er.

Di seguito Giuseppe Giunchiglia, presidente del circolo, introduce il video e presenta le due ragazze.

“Dopo Checco Bruni è la volta di Margherita Porro e Sofia Leoni e della loro stagione trionfale in 29er. Nel 2017 queste due splendide atlete del Circolo Vela Arco ( Circolo con il quale siamo gemellati ed a cui ci ispiriamo sempre per la professionalità e competenza) hanno vinto l’italiano sul lago di Como, l’europeo a Quiberon in Francia ed il mondiale ISAF in Cina….praticamente tutto quello che c’era da vincere.

Dopo Checco, uno tra i velisti più forti al mondo, non è stato casuale voler raccontare la stagione di una classe giovanile come il 29er.

Se Checco è diventato Checco, non è soltanto per il suo immenso talento, ma anche per una sommatoria di elementi che a ben vedere sono tutti presenti nella fantastica cavalcata di Margherita e Sofia: tanto impegno ed allenamento, un grande allenatore, Lollo Bianchini, una corretta programmazione, una squadra affiatata con altri grandi velisti per compagni (Federico Zampiccoli e Leonardo Chiste’ vincitori lo stesso anno dell’italiano e dell’europeo), un supporto costante da parte del Circolo e della Federazione, il tutto condito sempre da una straordinaria passione e voglia di vincere.
Spero che i velisti più giovani che guardano questo secondo racconto possano trarre insegnamento da Marghi e Sofia.

Infine, permettetemi di ringraziare Lorenzo “Lollo Bianchini” per quanto quotidianamente si spende per la vela italiana e per i suoi ragazzi. Lui, innamorato del suo Garda, ha creduto fin da subito nel nostro Circolo, aiutandoci costantemente nella sua crescita con la passione e l’entusiasmo che lo contraddistinguono. Se l’anno scorso le mie figlie Sofia e Marta sono riuscite a qualificarsi per il mondiale ISAF di Gdynia in Polonia, chiudendo al settimo posto, lo devono al loro duro lavoro ma soprattutto al loro coach Lollo.”