SVN logo
SVN solovelanet
venerdì 27 novembre 2020

La Coppa Arriva a Auckland ed è grande festa

Il grido catartico dei Maori libero TNZ dei fantasmi del passato

Abbonamenti SVN
ADV
Auckland (Nuova Zelanda) - Sulla pista dell’aeroporto di Auckland si sentono le urla dei maori che all’unisono sbattono il gomito contro il palmo della mano ben piantati sulle loro gambe di guerrieri. Sono loro i Maori Ngati Whatua a dare il ben venuto a casa agli All Blacks, i ragazzi del Team New Zealand e alla Coppa America.

La brocca è finalmente in Nuova Zelanda e il suo arrivo caccia tutti i fantasmi del passato. La vittoria di ETNZ su Oracle è stata la più grande rivincita che i neo zelandesi avrebbero mai potuto desiderare.

Rivincita per la sconfitta del 2013 quando Oracle rimontò quell’8 a 1 sino ad arrivare a 9 a 8 e vincere la Coppa. Rivincita contro Roussel Coutts che qui è ancora considerato un traditore perché dopo la vittoria del 2000 si rivoltò contro il suo stesso paese abbracciando la sfida di Alinghi che lo aveva affascinato con i suoi budget stellari e strappò la coppa ai Kiwi per portarla in Svizzera.

Da queste parti la vela è una cosa maledettamente seria, e saltare la staccionata per andare a combattere insieme al nemico è una cosa che si scorda difficilmente.

Nel frattempo, il governo ha garantito il suo appoggio alla difesa della Coppa che dovrebbe avvenire, probabilmente, nel 2012, stanziando 5 milioni di dollari neozelandesi, circa 3,3 milioni di dollari americani, non un granché in confronto al budget di decine di milioni che servirà per la prossima Coppa, ma almeno è la dimostrazione che la nazione è con il team.