SVN logo

Il marina dove i catamarani sono ormeggiati capovolti

A Sint Marteen dopo 7 settimane dal passaggio di Irma si lavora per rigirare i catamarani danneggiati

Abbonamenti SVN
ADV
Sint Marteen (Caraibi) – Dopo 7 settimane dal passaggio dell’uragano Irma che ha portato la devastazione in molte isole dei Caraibi, a Sint Marteen ci si sta dando da fare per tornare alla normalità, anche se nel marina una quindicina di catamarani a testa in giù ci ricordano le scene di due mesi fa quando i cat capovolti erano a centinaia.

Ora una gru al centro del marina sta rigirando lentamente catamarano per catamarano; quando avrà finito comincerà a tirare su dal fondo del porto quelli affondati che oggi tappezzano il fondale.

Poi il problema sarà cosa fare con queste barche. Alcune sono recuperabili, ma molte non lo sono.
Cosa si farà con quelle che non potranno tornare a navigare?

L’isola non è attrezzata per lo smaltimento di carcasse in vetroresina, soprattutto in un numero così elevato. Il problema comincia a mostrarsi in tutta la sua gravità. Ci sono decine di barche tra catamarani e monoscafi che andrebbero smaltite in un trituratore che non esiste in tutti i Caraibi.

Il rischio è che le carcasse o siano affondate o siano lasciate lungo la costa creando un enorme cimitero di barche.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

L'OPERATORE
Cantiere del Pardo