solovela.net
lunedì , 18 novembre 2019

Seguici su Facebook Seguici su You Tube
back » la notizia: Rinvenuto un braccio mozzato nella baia che dovrà ospitare le olimpiadi di agost
SVN: la vela nel web SVN solovelanet

Leggi il numero on-line

Rinvenuto un braccio mozzato nella baia che dovrà ospitare le olimpiadi di agost
Rio de Janero
Rinvenuto un braccio mozzato nella baia che dovrà ospitare le olimpiadi di agost

In mezzo a tonnellate di rifiuti che galleggiano nella baia anche un corpo umano smembrato

Rio de Janeiro (Brasile) – Un noto quotidiano on line Brasiliano pubblica le fotografie di un braccio umano che galleggia in mezzo ai rifiuti nella baia di Rio dove i nostri atleti dovranno gareggiare a partire dal 5 di agosto prossimo.

Le polemiche sulla pericolosità di Guanabara Bay, la baia di Rio de Janeiro dove nell’agosto di quest’anno si terranno i giochi olimpici di vela, imperversano. Allarmi arrivano da esponenti del mondo scientifico e i giornali di tutto il mondo continuano a fare articoli sul problema, ma il Governo del Sud America non sta facendo quasi nulla per mettere la baia in sicurezza.

Ad aggravare la situazione è quanto pubblicato dal quotidiano on line Globo 1 a firma di Cristina Boeckel. L’articolo riporta le fotografie di un braccio mozzato che galleggia in mezzo ai rifiuti della baia ( fotografie che Solovelanet preferisce non pubblicare. Queste sono visibili nell’articolo originale che ha ispirato questa notizia raggiungibile al link in fondo alla pagina).

La cronista brasiliana che ha scritto l’articolo racconta come il ritrovamento di resti di corpi umani nella baia non sia un fatto raro e riporta la testimonianza di Mario Moscatelli, un biologo marino che studia da 25 anni gli ecosistemi nell’area di Rio.

“In 19 anni di attività nella baia ho visto di tutto – dice Mario Moscatelli. - Rio è un posto molto violento e le vittime di omicidio vengono gettate via come si fa con i rifiuti, per questo non è raro vedere dei cadaveri galleggiare.”

Al di là del fatto che nella baia si possa trovare di tutto da corpi umani a carcasse di animali, (nella fotografia l'australiano Nathan Outteridge veleggia passando a pochi metri da un cane morto che galleggiava nella baia.) continua a scrivere Cristina Boeckel.

Un test voluto dall’agenzia di stampa AP, ha rilevato che a un chilometro dalla costa, le acque della baia contengono lo stesso livello di batteri delle acque che sono sotto costa vicino alle bocche del sistema di acque reflue.


Articolo originale con foto
27/feb/2016

Zattera

RICERCA LA
NOTIZIA
Digita la parola "chiave" e fai partire la ricerca

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
Entra a far parte della community di SoloVela e iscriviti alla newsletter.




Privacy | Cookie Policy | crediti e contatti seguici su FACEBOOK | seguici su YouTube

© SDM S.r.l.s. P.IVA/CF 13381071003 |
Testata digitale registrata presso il Tribunale Civile di Roma Sezione per la stampa e l'informazione n. 117/2015 del 09/07/2015
Direttore responsabile Maurizio Anzillotti