martedì 23 aprile 2024
  aggiornamenti

Come i velisti osservano la velocità dei cambiamenti climatici

Come i velisti osservano la velocità dei cambiamenti climatici
Come i velisti osservano la velocità dei cambiamenti climatici

I velisti si rendono conto più di altri di come il clima stia cambiando e della velocità con cui lo sta facendo

SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER
GUIDE DI CHARTER

Anno dopo anno il nostro mondo sta cambiando. Le previsioni metereologiche sono diventate meno attendibili e alcuni eventi più violenti. Fortunatamente i cambiamenti maggiori si stanno verificando nelle stagioni fredde quando in mare ci si va di meno, ma ciò non toglie che oggi bisogna fare più attenzione di ieri.

I negazionisti del clima dovrebbero fare i velisti per rendersi conto di quanto il clima è cambiato e di come alcune periodicità una volta considerate granitiche, oggi sono perse. I più anziani si ricorderanno quando ad agosto, immancabilmente, subito dopo la metà del mese, l’anticiclone delle Azzorre si rompeva e arrivavano tre giorni di cattivo tempo e temporali, passati i quali, il tempo si ristabiliva fino a tutto settembre, metà ottobre.

Oggi quei temporali di mezza estate sono un ricordo. I temporali che abbiamo sperimentato nelle ultime dieci estate sono arrivati nei momenti più disparati senza una periodicità precisa e sono durati un giorno come una settimana.

Forse dovremmo sperare che la vela si diffonda di più tra i politici del mondo.

Proprio perché noi velisti tocchiamo con mano, più di altri, il clima che cambia, dobbiamo impegnarci di più a far sì che tutti si rendano conto delle velocità di questi cambiamenti e fare del contrasto a questo fenomeno un tema prioritario.

Purtroppo c’è da dire che noi europei possiamo poco. L’Europa è il continente più virtuoso del mondo. Da questo punto di vista il nostro contributo all’inquinamento e al rilascio di gas serra è ormai estremamente basso e non potrà migliorare di molto.

Chi dovrebbe svegliarsi sono paesi come gli Stati Uniti, l’India e la Cina che sono i maggiori produttori di gas serra e inquinamento atmosferico. Purtroppo i politici di questi paesi non sembrano essere particolarmente sensibili al tema. Forse dovremmo sperare che la vela si diffonda di più tra i politici del mondo.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
SVN Magazine SVN Magazine SVN Magazine
SVN SOLOVELANET

ARGOMENTI

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti
WhatsApp SVN WhatsApp SVN WhatsApp SVN
CANALE WHATSAPP