SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 29 ottobre 2020

Coville, il sogno continua

Il velista francese, impegnato a migliorare il record del mondo in solitario fissato l’anno scorso da Francis Joyon ha fatto scendere il proprio svantaggio nei confronti del collega transalpino a 587 miglia

Abbonamenti SVN
ADV
Oceano Atlantico – Non si arrende, Thomas Coville. Il velista francese, impegnato a migliorare il record del mondo in solitario fissato l’anno scorso da Francis Joyon in 57 giorni, 13 ore, 34 minuti, ha superato ieri sera l’equatore nella risalita dell’Atlantico verso Brest, facendo scendere il proprio svantaggio nei confronti del collega transalpino a 587 miglia.

Stabilire il nuovo primato appare ancora un’impresa molto difficile, se non impossibile; meno, tuttavia, di qualche settimana fa, quando il ritardo di Coville superava costantemente le 1.000 miglia. La partita si giocherà tutta nelle prossime ore; Thomas dovrebbe agganciare a breve l’aliseo di sud-est che lo condurrà di poppa fino a Capo Verde. Interessante sarà il confronto con la prestazione di Joyon, il cui trimarano, Idec, rimase vittima di un problema al sartiame proprio a questo punto del tragitto.

Le condizioni di Coville e della sua barca, Sodeb’ò, sono senz’altro migliori nonostante le ultime settimane particolarmente difficili, che lo hanno costretto a evitare gli iceberg prima di doppiare Capo Horn e fronteggiare una burrasca nel primo tratto d’Atlantico.