SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 13 luglio 2020

La Mares entra in campo contro il Coronavirus

L’ultima industria ad aggiungersi alla lotta contro il Coronavirus è la Mares di Rapallo che sta realizzando 1000 maschere subacquee modificate da regalare alle strutture sanitarie

Abbonamenti SVN
ADV
Rapallo – Il mondo della nautica sta dando un grande contributo alla lotta contro l’epidemia di Coronavirus. Con intelligenza e fantasia gli imprenditori del settore stanno mettendo in campo iniziative e nuove idee.

Da prima è scattata la corsa delle velerie a fabbricare mascherine da regalare alla cittadinanza o alle strutture sanitarie. Poi dall’invenzione di un ex primario sono arrivate le maschere da sub modificate e adattate alle esigenze degli ospedali che le usano per ventilare i pazienti.

Le fabbriche di maschere subacquee sono entrate in campo ed è notizia di questi giorni che anche la Mares, forse la più nota fabbrica italiana di attrezzatura per subacquea, ha richiamato sei dipendenti e alcuni dei suoi ingegneri per mettere in produzione 1000 maschere da regalare agli ospedali che trattano pazienti Covid-19.

La Mares, applicando alle sue maschere dei deviatori realizzati in stampa 3D da aziende intorno a Rapallo, è stata in grado di modificare rapidamente le sue maschere e adattarle alle esigenze ospedaliere.