SVN logo

Europeo 470, oggi Medal Race

Nella giornata di ieri il vento forte ha fermato le regate, oggi le Medal Race

Abbonamenti SVN
ADV
Marina degli Aregai (Imperia) - Il forte vento che ha soffiato intensamente per tutta la giornata di ieri ha fermato il Campionato Europeo della classe olimpica 470 che si st svolgendo presso il Marina degli Aregai con l’organizzazione dello Yacht Club Sanremo e che oggi vedrà la conclusione con le Medal Race.

Oggi il primo segnale di avviso verrà dato prima per i team femminili, alle ore 11, seguiti dalla prova maschile in programma per le 11.45.

Nella giornata di ieri dal mattino le condizioni di vento e di mare sono risultate troppo impegnative per poter uscire in mare. Gli organizzatori e il comitato di regata hanno monitorato costantemente la situazione, ma intorno alle 18 hanno annullato le prove del giorno.

Si chiudono quindi le regate di flotta - 6 prove portate a termine - e oggi si svolgeranno gli scontri finali, le medal race a cui accedono con il punteggio acquisito i primi dieci equipaggi. Le regate di oggi assegneranno doppi punti, e dunque rappresentano una chance per tutti i partecipanti di poter salire sul podio.

Purtroppo nessuno dei velisti italiani è riuscito nell’intento di partecipare alla medal race. Gli equipaggi femminili, Benedetta di Salle e Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) e Elena Berta e Bianca Caruso (CS Aeronautica Militare/GS Marina Militare), hanno chiuso rispettivamente in undicesima e dodicesima posizione mentre Matteo Capurro e Matteo Puppo (Yacht Club Italiano) e Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare Italiana) hanno terminato sedicesimi e ventiduesimi.

Gabrio Zandonà - Tecnico Federale 470 - “Con l’Europeo si chiude la prima parte di stagione, non sono contento e non è contento neanche Pietro Zucchetti. Adesso è il momento di capire che cosa è andato e che cosa non è andato e ripartiremo da questa analisi. Mancano tre mesi al mondiale e alla pre-olimpica che faremo sul campo di regata delle olimpiadi e siamo nella condizione di fare del nostro meglio.”