SVN logo

Boyan Slat, il 19enne che scopre come pulire gli oceani

Boyan Slat ha un'intuizione, gli oceani si possono pulire da soli, e diventa una celebrità

Abbonamenti SVN
ADV
Amsterdam (Olanda) – Boyan Salt ha 19 anni e, mosso dalla volontà di risolvere il problema dell'inquinamento degli oceani e delle atrocità a cui sono sottoposti gli animali costretti a convivere con distese di rifiuti, da quando ne aveva 17 si è messo a studiare una possibile soluzione sino a quando ha creato un modo semplice ed economico per fare in modo che gli oceani si puliscano da soli.



Oggi si spendono diversi milioni di euro ogni anno per pulire gli oceani e questa operazione si svolge con delle navi che hanno degli enormi bracci laterali che trascinano delle lunghe reti sulla superficie dell’oceano che catturano i rifiuti. Con questo sistema per pulire quanto al momento è stato gettato negli oceani dall’uomo, servirebbero circa 79.000 anni, e qualche miliardo di euro.

Boyan ha studiato le maree, le correnti fisse e quelle che si spostano e alla fine ha determinato che gli oceani sono in grado di convogliare da soli i rifiuti che galleggiano sulla loro superfice e portarli verso i centri di raccolta.

Boyan ha presentato il suo progetto nel 2012 al TEDxDelft in Olanda e, dopo un anno di studio ha riportato nella stessa sede i risultati della sua ricerca il 29 maggio 2014.

Il progetto di Boyan, consiste in una piattaforma dotata di trituratore e di due lunghi bracci di gomma che hanno la funziona di convogliare i rifiuti portati dalla corrente nelle bocche della piattaforma. Qui questi vengono polverizzati e depositati dentro un container che a intervalli regolari viene raccolto da una nave. La piattaforma prende l’energia da pannelli fotovoltaici e da generatori che funzionano con il movimento delle onde, quindi è del tutto autosufficiente. Il materiale tritato viene quindi rivenduto alle fabbriche che lo riciclano con un guadagno interessante per gli investitori.

Boyan ha quindi deciso di raccogliere fondi per cominciare a realizzare le prime piattaforme con il sistema del Crowd Funding. L’obiettivo erano due milioni di euro in 100 giorni, ne ha raccolti 700.000 in 13 giorni.

http://www.theoceancleanup.com/









© Riproduzione riservata