SVN logo
SVN solovelanet
sabato 28 novembre 2020

Il 50% del pescato viene buttato via

Uno chef inglese, a oggi, raccolgie 758.000 firme per fermare questo spreco

Abbonamenti SVN
ADV
In particolare nel mare del nord, ma il fenomeno è diffuso in tutti i mari europei, circa il 50% del pesce pescato viene ributtato in mare morto, perché?
La colpa è dei politici europei che per salvaguardare l’ambiente hanno imposto un limite alla pesca. Ogni paese ha delle quote di pescato, ogni peschereccio, come accade per il latte, non può portare a terra più di un certo quantitativo di pesce. Questa regola fa si che i pescherecci rigettino in mare tutto il pesce non pregiato per conservare solo il migliore. Alla fine, chi nel chiuso di una stanza del parlamento europeo ha varato questa legge, ha ottenuto esattamente il contrario di quanto si proponeva, una grande quantità di pesce pescato, una piccola quantità di pesce sui banchi dei mercati, un prezzo sempre più alto.
Per protestare contro questo scempio, un cuoco inglese proprietario di una piccola catena di Take away, ha iniziato una campagna di raccolta di firme da portare a Strasburgo e ha riscosso un successo inaspettato, ad oggi, ben 758.000 persone tra le quali anche la redazione di SoloVela, hanno sottoscritto la petizione.

Il link per firmare la petizione: http://www.fishfight.net/