SVN logo

Le mascherine possono essere un rifiuto devastante per il mare

Uno studio dell’Università Milano-Bicocca ha quantificato le microfibre che possono essere liberate in acqua se una mascherina finisce in mare

Torqeedo
ADV
Era inevitabile che potesse accadere, ma grazie a uno studio adesso sappiamo anche quanto possono fare male all’ambiente: le mascherine che stanno giocano un ruolo decisivo nella lotta al Covid ci obbligano a pagare un prezzo molto alto in termini di salute dell’ambiente se il loro smaltimento non avviene in modo virtuoso.

Una sola mascherina chirurgica che non viene smaltita correttamente, e finisce nell’ambiente o in mare, rilascia migliaia di fibre microscopiche, fino a 173mila microfibre al giorno.

Questo è il risultato della ricerca condotta da un team dell’Università di Milano-Bicocca del dipartimento di Scienze dell'Ambiente e della Terra. La ricerca aveva come titolo "The release process of microfibers: from surgical face masks into the marine environment", autori Francesco Saliu, Maurizio Veronelli, Clarissa Raguso, Davide Barana, Paolo Galli, Marina Lasagni, pubblicata sulla rivista Environmental Advances.

La ricerca è stata condotta con tecniche di microscopia elettronica e microspettroscopia infrarossa, e ha evidenziato come una mascherina chirurgica esposta alla luce UV-A per 180 ore si inizi gradualmente a sfaldare in centinaia di migliaia di particelle del diametro di poche decine di micron.

Secondo i ricercatori questo processo viene notevolmente amplificato in mare, dove il materiale viene sottoposto anche allo stress meccanico dovuto al moto ondoso e alle correnti, oltre che al processo di degrado dovuto alla salinità, fino ad arrivare addirittura a rilasciare frammenti sub-micrometrici.

In pratica le mascherine se finiscono in acqua sono il perfetto produttore di micro plastiche, uno dei pericoli maggiori per gli abitanti del mare, fonte di ostruzione o di intossicamento quando ne ingeriscono in grande quantità.


© Riproduzione riservata