SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 23 novembre 2020

Joe Harris, è a Cape Town

Continua senza grandi guai il giro del mondo in solitario dell’americano Joe Harris

Abbonamenti SVN
ADV
Cape Town (Sudafrica) – Abbiamo lasciato Joe Harris una decina di giorni fa che aveva raggiunto, con il suo Class 40, GryphonSolo2, la latitudine del Capo di Buona Speranza, ma si trovava al centro dell’Atlantico. Ora lo ritroviamo all’altezza di Cape Town dove ha dovuto fare una sosta per riparare il suo idrogeneratore che non era riuscito a riparare a bordo.

Joe è al suo 47esimo giorno di navigazione e sino ad ora, fortunatamente, non ha avuto alcun problema serio, se non, a volte, come in questi ultimi gironi, l’assenza di vento che lo obbliga a dondolare per ore senza riuscire ad avanzare di un miglio.

Nel suo diario Joe racconta come il nemico vero sia la propria mente che a volte, dopo giorni di solitudine e silenzio, gli manda segnali strani. Nonostante qualche momento di debolezza, nell’insieme il navigatore rimane ottimista e soddisfatto della sua decisione di provare a fare il giro del mondo da solo e senza assistenza.

A distrarre la mente dal rischio di giocare qualche scherzo spiacevole, ieri, racconta, Harris, ci si è messa la sorte. Un barattolo contente miele che con il caldo si era un po’ sciolto, si è rotto e il prezioso prodotto si è sparso per tutta la barca. Joe non aveva mai pensato a quanto potesse essere difficile pulire del miele colato ovunque. Un’operazione che gli è costata diverse ore di fatica.

L’impresa
Joe Harris, è un appassionato velista nord americano partito da Newport il 15 novembre scorso con il suo Class 40 deciso a fare il giro del mondo in solitario senza assistenza e senza stop, una Vendée Globe privata.
Ha disceso con il suo Class 40 GryphonSolo2, l’Atlantico, passato l’Equatore, sfiorato il Brasile e continuato verso il sud. Dopo Cape Town farà rotta verso Capo Leeuwin in Australia. Harris ha una buona esperienza di vela alle sue spalle, ma questo è il suo primo giro del mondo.