SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 23 novembre 2020

A Chiavari il porto insabbiato

Si infiamma la polemica tra chi deve fare i lavori di ampliamento del porto e le autorità locali

Abbonamenti SVN
ADV
Chiavari - Mentre la Tigullio Shipping, continua i suoi lavori per ampliare il porto, si fa sempre più urgente il problema del dragaggio di questo. Al momento la situazione è in stallo e la capitaneria di porto sembra abbia intenzione di emanare un'ordinanza che vieti l’accesso alle barche con pescaggio superiore ai 2,20 mt.
Da una parte la Tigullio Shipping, dichiara che effettuerà i lavori di dragaggio quando avrà terminato l’ampliamento del porto come da contratto, ovvero, a ottobre. Dall’altra, il comune, che ha la competenza del dragaggio del porto, si dichiara nell’impossibilità di assolvere a tale incombenza pe mancanza di fondi, risultato: dopo molti anni di sforzi per portare a Chiavari regate e eventi, ora si rischia di dover far marcia indietro perché proprio le barche da regata, quelle con pescaggi spesso superiori ai 2,20, non potrebbero o accedere, o uscire dal porto.
Tale situazione, in un momento di particolare crisi del settore nautico come l’attuale, avrà pesanti ripercussioni sugli operatori della zona.
Il porto a Chiavari ha, tra operatori diretti e indotto, un impatto considerevole sull’economia locale e, limitarne l’utilizzo, potrebbe essere fonte di perdite economiche consistenti.