SVN logo

I superyacht potranno avvicinarsi alle aree protette

Decade il divieto per i superyacht di avvicinarsi a meno di due miglia dalle aree marine protette

Abbonamenti SVN
ADV
Roma - La norma che equiparava i super yacht alle navi commerciali e che di conseguenza gli imponeva di tenersi ad almeno due miglia dalle aree marine protette, è stata bypassata.

Il Ministero dei Trasporti di concerto con il Ministero dell’Ambiente ha firmato un provvedimento amministrativo nel quale si riconosce alle grandi imbarcazioni uno status particolare che consente di derogare alla norme contenute nel cosiddetto decreto Clini-Passera.

Il decreto Clini-Passera, emanato per evitare la pratica degli “inchini” delle grandi navi passeggeri davanti alle coste di pregio del nostro paese, inchini che hanno portato al naufragio del Concordia, non faceva alcuna distinzione tra navi commerciali e grandi yacht da diporto seppur adibiti al charter quali sono la maggioranza dei super yacht (le imbarcazioni sopra i 24 metri di lunghezza).

La scarsa conoscenza della materia che stava trattando da parte del legislatore ha creato un danno rilevante a quelle zone costiere del nostro paese che tradizionalmente traggono ricchezza dalla presenza dei superyacht dissuadendo molte imbarcazioni a spostarsi in Costa Azzurra, danno che ricordiamo, si aggiunge a quello ancora più devastante fatto dalla tassa di stazionamento del Governo Monti inserita nel decreto Salva Italia del 2011, dove anche le barche battenti bandiera straniera avrebbero dovuto pagare tasse particolarmente esose e che ha provocato l’abbandono di decine di superyacht dalla Sardegna e dalle coste liguri.

Da ora, queste imbarcazioni milionarie, che riversano sul territorio decine di migliaia di euro al giorno e garantiscono lavoro ad un numero elevato di persone nell’indotto realizzato per facilitarne l’attività, con le dovute precauzioni e sotto monitoraggio costante delle Capitanerie, potranno superare la barriera delle due miglia da terra anche davanti alle aree marine protette, come già fanno tutte le barche da diporto sino a 24 metri di lunghezza.