SVN logo
SVN solovelanet
domenica 27 settembre 2020

Nel segno di Mean Machine

La barca olandese di Peter de Ridder si è aggiudicata due delle tre regate disputate ieri, giungendo al quarto posto nella restante

Abbonamenti SVN
ADV
Cagliari - “Mean Machine” è stata la protagonista indiscussa della giornata d'esordio della Audi MedCup, il circuito internazionale riservato ai TP 52, tornato per l'occasione in Italia, nelle acque di Cagliari. La barca olandese di Peter de Ridder si è aggiudicata due delle tre regate disputate ieri, giungendo al quarto posto nella restante (vento di 10-15 nodi).

Durante la prima prova, “Mean Machine” ha preso il comando della flotta (tredici imbarcazioni) sin dalla partenza, riuscendolo a mantenere fino al traguardo, dopo una vera e propria cavalcata vincente. Nell'ultima manche, invece, un'intuizione del tattico Ray Davies ha permesso al proprio equipaggio di rimontare dalla nona alla prima posizione durante l'ultimo lato di poppa. “E' stata una grande giornata - ha detto Ray Davies - con buone partenze e una barca incredibile. Siamo partiti sempre in boa, con vento libero, evitando problemi, in modo da poter fare nella maggior parte dei casi la nostra regata”.

In classifica generale, “Mean Machine” può vantare quattro punti di vantaggio sugli americani di “Quantum” (terzo, primo e sesto) e cinque su “Bribon” (quarto, secondo e quinto), lo scafo spagnolo di Jose Cusi, attuale capoclassifica del circuito. Dietro questo terzetto di testa, insegue un ottimo “Matador”, la barca argentina di Alberto Roemmers che ieri ha accolto il ritorno nella classe di Francesco Bruni come tattico.

Discreti gli italiani. “Mutua Madrilena” (secondo, undicesimo e settimo) con Vasco Vascotto alla tattica si trova al sesto posto della generale, davanti ad “Audi TP52” di Riccardo Simoneschi (ottavo, terzo e decimo), in ripresa dopo i problemi avuti durante le prime tappe. Più staccati invece i tedeschi di “Platoon”, vincitori della regata di prova, così come “El Desafio” e i russi di “Synergy”, in acqua con “Usa-17”, la barca di Larry Ellison vincitrice del Trofeo di Marsiglia.