SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 28 settembre 2020

Pedote in testa ai Multi 50; Dick dice: gli IMOCA sono da rivedere

Jean Pierre Dick, ammette che bisogna lavorare a una versione IMOCA 60.2

FeB
ADV
Atlantico centrale - FenetrA-Prysmian con Giancarlo Pedote e Erwan Le Roux dallo scorso 31 ottobre ha preso il comando della classe Multi 50 nella Transat Jacques Vabre, per lui rimane solo un solo avversario, Arkema, perché Ciela Village, il terzo multi 50 rimasto in gara, si è dovuto fermare a Capo Verde per riparazioni.

Intanto Francois Gabart e Pascal Bidégorry su Macif continuano a condurre i giochi sia in classe Ultime, sia in classifica generale.

Jean Pierre Dick, rientrato a Madeira, ha definitivamente abbandonato l’idea di ripartire, come lui stesso ha detto, è evidente che questi nuovi IMOCA hanno dei problemi strutturali, ma d’altronde sono prototipi, barche sperimentali, ora i progetti andranno rivisti e la barche rinforzate per poter affrontare le prove che le attendono, in pratica Dick ha chiesto un IMOCA 60.2.

A nessuno è dato di sapere se in cuor suo Jean Pierre Dick accusi la VPLP, i progettisti dello scafo ma certamente per gli architetti francesi, guru della classe IMOCA, avere quattro barche su cinque da loro disegnate che si ritirano per danni strutturali, deve essere un motivo di analisi.

E’ vero che la burrasca che ha colpito la flotta della Transat Jacques Vabre era forte, ma è anche vero che quando queste barche partiranno, nel novembre del prossimo anno, per la Vendée Globe, burrasche così dovranno essere prese in considerazione.

http://tracking.transat-jacques-vabre.com/fr/