SVN logo
SVN solovelanet
sabato 26 settembre 2020

Caccia alla barca

Particolare iniziativa della rivista The Daily Sail. Dove sono finite le barche che hanno fatto la storia della transoceanica? Tra sorprese e fatti noti, ecco chi manca ancora all'appello

Abbonamenti SVN
ADV
Alicante - Che fine hanno fatto tutte le barche della Whitbread/Volvo Ocean Race? Prendendo spunto dalla Legend Regatta, la competizione che riunirà ad Alicante velisti e scafi protagonisti della transoceanica a tappe, la rivista specializzata The Daily Sail ha attivato la comunità di internet per scoprire dove si trovano tutte le barche che hanno regatato dalla prima edizione, quella del 1973.
E per molti scafi, la missione si può già definire compiuta. Se, infatti, non era difficile scoprire che Ericsson 3, il VoR 70 protagonista nel 2009 è finito nelle mani di Giovanni Soldini per dare vita alla sfida di Italia 70, e che Movistar affondò durante la competizione nel 2006, trovare le tracce di altre regine dell'oceano è stata impresa ben più ardua. A partire dal primo vincitore, Sayula 2, uno Swan 65 che Ramon Carlin non ha ancora venduto e ora noleggia per crociere intorno al Messico. NZ Endeavour, il ketch che trionfò nel 1994, si trova invece ormeggiato all'Elba; è in vendita, con una quotazione che ssi può trovare sul listino di Yachting World. Sorte peggiore è capitata al suo principale avversario, Merit Cup, distrutto da un incendio circa dieci anni fa. Non si hanno invece notizie di due italiane, B&B Italia e La barca laboratorio, che parteciparono rispettivamente alle edizioni del 1978 e del 1982, mentre nelle acque dell'Adriatico sono stati avvistati i Vo60 Amer Sports Too e Assa Abloy, che regatarono nella Volvo Ocean Race del 2002.
La caccia è aperta, insomma, e per scoprire quale è stato il destino di tutte le barche della transoceanica a tappe o fornire informazioni su quelle ancora “disperse”, è sufficiente collegarsi al seguente link.