venerdì 14 giugno 2024
  aggiornamenti

San Lorenzo presenta il 50 Steel: il megayacht da 50 metri che abbatte le emissioni

Con un particolare sistema che converte il metanolo in energia elettrica, il 50 metri potrà tenere i motori diesel spenti in rada o in porto

San Lorenzo presenta il 50 Steel
San Lorenzo presenta il 50 Steel
SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER
GUIDE DI CHARTER

San Lorenzo presenta il 50 Steel: il megayacht da 50 metri che abbatte le emissioni Con un particolare sistema che converte il metanolo in energia elettrica, il 50 metri potrà tenere i motori diesel spenti in rada o in porto

L’abbattimento delle emissioni e una produzione più “Green” sono ormai da qualche anno delle tematiche molto care anche nel mondo della nautica, che essendo un’industria a contatto con l’ambiente marino ha il dovere di impegnarsi per migliorare la propria sostenibilità.

Una delle aziende che si sta spendendo in questo senso è il cantiere San Lorenzo, specializzato nella produzione di megayacht a motore.

Quando si pensa a una barca di 25-30 metri a motore, con propulsioni molto importanti, non si ha l’idea chiaramente di qualcosa di “Green” e per questo realtà come San Lorenzo stanno cercando di cambiare il paradigma.

Lo yacht con cui il cantiere italiano, guidato da Massimo Peretti, vuole fare un deciso passo in avanti è il 50 Steel (lungo 50 metri), il primo Superyacht al mondo ad accogliere il sistema modulare Reformer – Fuel Cell, sviluppato in collaborazione con Siemens Energy.

Questo particolare sistema non riguarda tanto la propulsione in sé, ma il fatto di riuscire a mantenere tutti i sistemi di bordo quando la barca è in porto o in rada.

Il Reformer è in grado di trasformare il metanolo verde in idrogeno e successivamente in energia elettrica per alimentare tutti gli apparati di hotellerie dell’imbarcazione senza che l’idrogeno venga stoccato a bordo.

Questa soluzione garantisce fino a 100kW, e consente di tenere spenti i motori quando la barca non sta navigando.

Significa risparmiare sul carburante e di conseguenza sull’inquinamento che la barca continuerebbe a produrre anche all’ancora, uno dei problemi più “eclatanti” dei megayacht.

Si tratta di una miglioria sensibile, perché un megayacht di lusso lungo 50 metri, dotato di 4 ponti, a riposo necessita di una grande quantità di energia per tutti i servizi che offre ai suoi ospiti, e che un tempo veniva generata esclusivamente dalla propulsione diesel, tenuta perennemente accesa.

Un passo avanti concreto e importante, che mette l’azienda italiana in una posizione di avanguardia sul tema.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
NSS Charter NSS Charter NSS Charter
PUBBLICITÀ