SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 26 novembre 2020

Intollerabile atto di razzismo da parte della federazione della vela Malese

La Malesia discrimina gli atleti israeliani, mentre l’ISAF ritarda a intervenire

Abbonamenti SVN
ADV
Langkawi (Malesia) – La Federazione della Vela della Malesia ha chiesto a Yoav Omer e Noy Drihan, due atleti israeliani di surf che dovrebbero partecipare agli ISAF Youth World Sailing Championship, e al loro allenatore Meir Yaniv, di presenziare ai giochi rinunciando a esporre la bandiera di Israele.

Inoltre gli atleti non potranno indossare alcun simbolo che riconduca alla loro nazionalità sulle divise e le mute e, nel caso di vittoria, si dovrebbero impegnare a ricevere le medaglie senza che sia suonato l’inno nazionale israeliano.

Un atto di razzismo non tollerabile. I due atleti e il loro allenatore hanno dichiarato che a queste condizioni non parteciperanno ai campionati mondiali giovanili di Surf.

La Malesia è un paese mussulmano e gli organizzatori della manifestazione temono che, in un periodo in cui gli esaltati e gli estremisti si trasformano facilmente in terroristi, la presenza di simboli di Israele possa provocare incidenti, ma lo sport dovrebbe essere la negazione di tutto ciò che è razzismo, accettare un atto di razzismo, qualsiasi sia il motivo, ucciderebbe lo spirito stesso delle competizioni sportive.

Si attende di vedere cosa farà la federazione mondiale della vela.

Questo non è il primo atto di razzismo nei confronti di atleti di Israele nel mondo della vela. Già accaduto in Oman, nell’ottobre scorso, dove agli atleti israeliani è stato negato il visto d’ingresso per partecipare al Mondiale RS-X.

In quel caso entrò una sola atleta perché aveva il passaporto austriaco, ma fu fatta gareggiare senza poter esporre la bandiera di Israele.