SVN logo
SVN solovelanet
martedì 24 novembre 2020

La ricerca italiana crea il Robot polpo

La Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa mette a punto un robot molto particolare

Abbonamenti SVN
ADV
Pisa – Ha quattro tentacoli morbidi che gli permettono di muoversi in mezzo a oggetti fragili senza rischiare di raschiarli e rovinarli, può anche urtare o cadere con poche conseguenze, si tratta del PoseiDrone, il drone creato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, un centro di eccellenza per la ricerca italiana.

Il PoseiDrone, messo a punto dal team della dottoressa Cecilia Laschi, nasce dall’esperienza di Octopus, un altro robot, più grande, creato sempre nel laboratorio di BioRobotica diretto da Paolo Dario.

PoseiDrone è fatto prevalentemente di gomma morbida, questa sua caratteristica gli permetterà di essere utilizzato in tutte quelle situazioni dove un robot rigido potrebbe creare danni o in quelle circostanze dove la probabilità che il drone urti e si procuri dei danni siano alte.

PoseiDrone è sceso in acqua per la prima volta in questi giorni per dei test e sarà presentato negli Stati Uniti, nel convegno internazionale di oceanografia ''Ocean 2013'' in programma a San Diego dal 23 al 27 settembre.

La Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa si sta specializzando sempre più nello studio della robotica con studi che ne stanno accrescendo la fama mondiale molto rapidamente, tra questi, particolarmente interessante sembra essere lo studio sulle espressioni facciali degli umanoidi di cui (per pura curiosità) vi proponiamo qui un contributo video.