lunedì 17 giugno 2024
  aggiornamenti

Giornata mondiale degli squali: a rischio le specie del Mediterraneo

Il 14 luglio è la Giornata Mondiale degli squali, uno degli animali più minacciati del pianeta. Oltre un terzo delle specie rischia l’estinzione a causa della pesca eccessiva e delle attività umane.

Giornata mondiale degli squali
Giornata mondiale degli squali
Pardo Pardo Pardo
PUBBLICITÀ

Si celebra oggi 14 luglio, come ogni anno, la Giornata mondiale degli squali, istituita per aumentare la consapevolezza sull’importanza del ruolo svolto da questi predatori nel mantenere l’equilibrio delle specie marine e concorrere alla sopravvivenza degli ecosistemi.

La Giornata ha anche lo scopo di sottolineare come, al contrario di quello che generalmente si pensa, il loro numero è calato drasticamente negli ultimi decenni.

Oltre la metà delle specie di squali presenti del Mediterraneo è minacciata e un terzo di queste è prossima al rischio di estinzione; una situazione che dà un chiaro segnale dello stato precario di salute del Mare Nostrum, la cui biodiversità è minacciata costantemente dalla pesca eccessiva e dall’inquinamento.

Secondo il WWF, sebbene non siano quasi mai ‘obiettivo’ dei pescatori, verdesche, mobule, torpedini, gattucci, mako e altre specie spesso protette vengono catturate accidentalmente in tutte le attività di pesca nel Mediterraneo e la maggior parte delle volte rigettate in mare: oltre 60 specie sono vittime di reti a strascico, mentre in alcune zone addirittura un terzo del pescato catturato dai palangari è costituito da squali e razze.

Altre minacce incombono su questi animali, come la plastica che viene ingerita o che li intrappola, e le frodi alimentari che ingannano il consumatore ignaro di mangiare carne di squalo spacciata come pesce spada. Secondo la Guardia Costiera Italiana questa è una delle tre frodi di pesca più comuni in Italia.

Malgrado ciò, nel periodo 2020-2022, solo in Italia sono stati riportati un centinaio di avvistamenti l’anno. Secondo gli esperti di LIFE ELIFE, il progetto cofinanziato dalla Commissione Europea, la ragione è che telefoni cellulari e telecamere hanno aumentato la possibilità di effettuare riprese mentre la diffusione dei social media ha favorito la condivisione immediata delle immagini.

Immagini che generalmente impauriscono le persone, nonostante le specie pericolose nei nostri mari siano poche, perché nell’immaginario collettivo gli squali restano sinonimo di pericolo mortale. Nonostante la loro importanza ecologica ed il loro fascino non hanno infatti beneficiato di quel processo di rivalutazione di cui hanno goduto la maggior parte dei grandi predatori terrestri e restano tanto temuti quanto sconosciuti ai più”.

Per coinvolgere attivamente i cittadini nella tutela degli squali, il progetto ELIFE rilancia la SharkApp, tramite la quale è possibile segnalare gli avvistamenti di squali. SharkApp è scaricabile gratuitamente, sia su Android che su iOS. Le informazioni e le foto raccolte saranno utilizzate a fini divulgativi e scientifici.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
NSS Charter NSS Charter NSS Charter
PUBBLICITÀ