mercoledì 24 aprile 2024
  aggiornamenti

Come fare un buon lavoro invernale di carena

Come fare un buon lavoro invernale di carena

Preparare bene la carena durante il rimessaggio invernale è il segreto per avere una barca veloce a vela e con uno scafo in buona salute e a prova di osmosi

Contenuto riservato agli utenti registrati.

Per leggere l'articolo fai il login o registrati

Preparare bene la carena durante il rimessaggio invernale è il segreto per avere una barca veloce a vela e con uno scafo in buona salute e a prova di osmosi

SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER
GUIDE DI CHARTER

La corretta preparazione della carena è una cura che non giova solo alle barche che vengono impiegate in regata ma, per vari e differenti motivi, può essere molto importante anche per quelle che navigano principalmente in crociera.

Una carena veloce a vela del resto giova sia in regata sia quando si naviga in vacanza, e prevenire alcuni problemi dovuti all’umidità con alcuni accorgimenti è una cosa che riguarda tutte le barche.

L’inverno è la stagione dell’anno in cui, almeno per un periodo, molte imbarcazioni si dedicano ai lavori di carena e al rimessaggio. Andiamo a vedere allora 3 semplici accorgimenti per realizzare una carena “veloce” e scorrevole, che al tempo stesso preservi la salute della barca sul lungo periodo prevenendo l’accumulo di umidità.

1 - Eliminare gli strati accumulati

Una cosa da non fare è quella di lasciare accumulare strati di antivegetativa anno dopo anno senza scaricare adeguatamente la carena. Si crea uno spigolo che limita la scorrevolezza della barca, ma soprattutto gli strati accumulati trattengono umidità e possono favorire l’insorgere dell’osmosi. Buona norma vuole che al massimo ogni paio di stagioni l’antivegetativa venga riportata a zero.

2 - Preparare un buon fondo

Se si scaricano tutti i vecchi strati di antivegetativa è probabile che ci saranno zone in cui il gelcoat sarà a vista, per questo motivo è consigliabile passare un fondo di primer per proteggere la carena. Questo fondo poi va levigato leggermente per eliminare le asperità e favorire così la posa dell’antivegetativa.

3 - Il trattamento finale

Il miglior metodo per avere una carena che scorre bene sull’acqua è dare l’antivegetativa a spruzzo. Occorre scegliere prodotti dedicati a questo scopo e possibilmente fare eseguire l’operazione a un professionista per evitare errori nella densità del prodotto o nell’applicazione. Oltre a questo ciò che conta, anche se l’antivegetativa viene passata a rullo o a pennello, è il trattamento finale. La carena, una volta che l’antivegetativa è asciutta, va levigata con una carta leggerissima, per eliminare ogni minima imperfezione e renderla il più liscia e scorrevole possibile.

Facendo un buon lavoro quando saremo in navigazione avremo una barca veloce a vela e il nostro scafo sarà in buona salute e a prova di osmosi; la differenza rispetto a una carena non trattata sarà sorprendente.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
SVN Magazine SVN Magazine SVN Magazine
SVN SOLOVELANET

ARGOMENTI

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti
WhatsApp SVN WhatsApp SVN WhatsApp SVN
CANALE WHATSAPP