SVN logo

Infiniti 53, Farr vira verso il DSS

In via di ultimazione il progetto dell’Inifniti 53, barca da regata con chiglia basculante e DSS

NSS
ADV
E’ in via di completamento sui tavoli da disegno della Farr Design il progetto dell’Infiniti 53.
Il progetto segna l’ingresso dello studio Farr nel mondo dei DSS, il foil piatto laterale che scorre all’interno dello scafo per portarsi sottovento e aumentare la coppia raddrizzante.

La barca, che sarà dotata di canting keel, è pensata per venti moderati e forti, ma dovrebbe, secondo quanto scrive Farr Design, comportarsi molto bene anche con venti leggeri.

Concepito per la regata pura, il nuovo progetto appartiene a un brand, l’Infiniti, che per quanto abbia sempre lavorato con i DSS, non è specializzato in barche da regata pura, ma in barche da regata crociera di lusso.

Secondo quanto scrive Farr Design nel proprio sito, la barca è stata pensata per battere il Cookson 50 che dal 2003 si è rivelato essere uno dei migliori progetti dello studio di design americano.

I foil DSS sono stati inventati dal design inglese Hugh Welbourn e sono costituiti da una lamina che scorre in un'asola ricavata al livello della linea di galleggiamento. Quando la barca va di bolina, la lama viene fatta scorrere sottovento e correndo a pelo d’acqua crea un effetto di sollevamento che è paragonabile all’effetto che avrebbe una chiglia con un bulbo molto più pesante, ovvero aumenta la coppia di raddrizzamento e di conseguenza la portanza.

Il sistema comincia a fare il suo ingresso anche nel mondo degli IMOCA 60 dove è abbinato, in una versione modificata, ai foils tradizionali.

L’Infiniti 53, che sarà realizzata in full carbon, dovrebbe entrare in produzione nell’autunno di quest’anno.

L.f.t. 16.15 m
Lunghezza al galleggiamento 15.00 m 4.40 m
Baglio massimo 4,40 m
Dislocamento 7.450 kg
Pescaggio 3,65 m
Angolo canting keel 35


© Riproduzione riservata