SVN logo

Il Portogallo libera il killer del catamarano

La giustizia Portoghese libera un killer italiano per scadenza dei termini di custodia cautelare

Abbonamenti SVN
ADV
Lisbona - La giustizia Portoghese libera Filippo Antonio De Cristofaro detto “Pippo”, il killer del catamarano per decorrenza dei termini della detenzione preventiva e questo scompare. I magistrati non sono riusciti a evadere la pratica di richiesta di estradizione inoltrata dall’Italia.

De Cristofaro nel 1988 aveva ucciso a bordo di un catamarano la skipper dell’imbarcazione, Annarita Curina di 34 anni, e per questo era stato condannato all’ergastolo in appello e rinchiuso nel carcere di Opera. Da qui era fuggito nel 2007. Ricatturato fu trasferito nel carcere di Porto Azzurro da dove riuscì a fuggire nel 2014.

De Cristofaro era stato individuato e catturato a maggio scorso in Portogallo dalla Squadra Mobile di Ancona in una brillante operazione internazionale. Condotto in carcere, l’Italia aveva subito inoltrato la richiesta di estradizione, ma la giustizia Portoghese non è stata in grado di esperire tutte le pratiche per dare il via libera al trasferimento del detenuto prima che scadessero i tempi della custodia cautelare e dal momento che in Portogallo De Cristofaro non aveva commesso reati, è stato scarcerato.

Come uscito di prigione il De Cristofaro si è reso irreperibile. Subito iniziate le indagini della questura di Ancona per rintracciare nuovamente l’assassino della skipper Annarita Curina.

Sulla vicenda il Ministero della Giustizia ha chiesto chiarimenti a Lisbona.