SVN logo

La Caravella Portoghese è in Mediterraneo, allarme a Lampedusa

Si tratta di un organismo molto pericoloso che normalmente non frequenta le nostre acque ma è stato avvistato diverse volte nell’ultimo periodo

Abbonamenti SVN
ADV
L’allarme arriva dalle acque di Lampedusa, dove nel giro di un mese sono stati fatti vari avvistamenti di “Caravella Portoghese”, un organismo che ricorda vagamente una medusa e che può arrecare seri danni all’uomo, in caso di contatto, data l’enorme forza urticante del suo veleno.

“Un altro esemplare di Caravella portoghese è stato avvistato nelle acque di Lampedusa dal personale dell’Area marina protetta delle isole Pelagie, dopo quello segnalato circa 20 giorni fa - ha scritto sui social ufficiali il Sindaco di Lampedusa. - Bisogna stare molto attenti, la Caravella portoghese (che è un sifonoforo) è molto pericolosa, i suoi tentacoli possono provocare conseguenze anche molto serie. Oltretutto quando galleggia può essere confusa con una bottiglia di plastica o con una normale medusa.”

Perchè è così strano questo avvistamento?

La Caravella Portoghese normalmente non frequenta i nostri mari, ma è tipica di alcune zone calde dell’Atlantico, del Pacifico e dell’Indiano.

Probabilmente è entrata in Mediterraneo attraverso lo stretto di Gibilterra, anche se un’altra ipotesi, seppure più remota, è quella che potrebbe essere stata trasportata involontariamente nella cisterna di qualche nave come avvenuto con molti micro organismi e piccoli pesci.

La Caravella Portoghese è un animale che con i suoi tentacoli può raggiungere anche i 10 metri di lunghezza, difficile che possa finire inavvertitamente dentro una cisterna.

La Caravella Portoghese è composta da una sacca, il pneumatoforo, e da lunghissimi tentacoli, che sono all’origine delle dolorosissime ustioni che può subire l’uomo in caso di contatto.

II rischio in casi estremi è anche quello dello shock anafilattico potenzialmente mortale in alcuni soggetti. La Caravella si muove lentamente, ma può arrivare a percorrere anche oltre 10 miglia al giorno, e la sua presenza in Mediterraneo potrebbe essere causata dai cambiamenti climatici.

In caso di contatto con una parte del corpo, è prudente recarsi immediatamente al Pronto Soccorso, non essendo la sua ustione gestibile in autonomia come quella di una comune medusa.


© Riproduzione riservata