SVN logo

Navigare a San Pietroburgo ora è più semplice

Cresce il numero di velisti che vogliono regatare in acque russe

Abbonamenti SVN
ADV
San Pietroburgo (Russia) – I velisti italiani si fanno sempre più curiosi e sempre più spesso piccoli equipaggi o anche solitari si spingono a navigare in zone sino a qualche tempo fa considerate non interessanti.

Una di queste mete è la Russia, in particolare San Pietroburgo che è la più grande zona portuale del grande paese a cavallo degli Urali. Qui si viene per regatare visto che i circoli di vela russi si stanno facendo sempre più attivi e internazionali.

Sino a poche settimane fa, però, venire in Russia non era affatto semplice, bisognava chiedere il visto turistico per la Russia che era un’operazione lunga e complessa, ora invece, le autorità russe hanno annunciato di aver messo a punto un sistema telematico per chiedere un visto breve, 8 giorni. Il visto breve si può chiedere telematicamente e lo si riceve entro 4 giorni.

Il visto, tuttavia non elimina tutte le altre limitazioni caratteristiche di un paese autoritario come la Russia. Non è possibile recarsi all’interno del paese senza un apposito permesso, gli equipaggi possono scendere in acqua solo dai ceckpoint e navigare solo in alcune zone.

Per chi volesse un visto più lungo, si può chiedere il visto per 4 settimane, ma per questo bisogna avere l’invito di un circolo velico locale e seguire la vecchia e farraginosa procedura.