SVN logo

La vernice-batteria

In via di sperimentazione in Texas, una vernice che svolge il ruolo di accumulatore di energia

Abbonamenti SVN
ADV
Verniciare la barca per sostituire le batterie, questo è quello che , probabilmente faremo tra qualche anno. Un gruppo di ricercatori della Rice University a Houston, in Texas ha pubblicato sulla rivista Scientific Reports uno studio sulle batterie liquide.
Gli scienziati hanno messo a punto cinque tipi di vernice, ogni tipo sostituisce uno dei componenti essenziali delle batterie al litio, cioè due collettori di corrente, un catodo, un anodo e un separatore polimerico nel mezzo. Una volta passati i cinque strati di vernice uno sull’altro su di un corpo solido, si ottiene un accumulatore di energia, ovvero una batteria.

AL momento, i ricercatori, hanno testato la capacità delle diverse vernici di aderire ai vari substrati applicandole sulle piastrelle di ceramica, sul vetro, sull'acciaio e perfino sul vetro curvo di un boccale di birra.
Nel primo degli esperimenti fatti, i ricercatori hanno collegato tra loro in serie nove piastrelle di ceramica, una di queste era dotata di un piccolo pannello fotovoltaico alimentato da una lampada del laboratorio. Una volta caricate le piastrelle di ceramica trasformate in batteria, sono riuscite ad alimentare delle luci al led fornendo energia pari a 2,4 volt.
Se tutte le condizioni saranno incontrate e l’invenzione diventerà un prodotto commerciale, il mondo delle batterie potrebbe cambiare radicalmente. Noi potremmo verniciare la barca e trasformarla in una grande batteria e, probabilmente, sopra questa vernice potremmo mettere della vernice fotovoltaica e avere una barca che produce e accumula energia in autonomia.