SVN logo
SVN solovelanet
lunedì 23 novembre 2020

Rete internet sotto il mare

Scienziati italiani studiando la creazione di una rete internet subacquea per controllare i droni

Abbonamenti SVN
ADV
Roma – L’acqua è 750 volte più densa dell’aria, è salata ed è in movimento, tutti fattori che si scontrano con la propagazione delle onde elettromagnetiche che trasportano i dati internet e che sott’acqua non si propagano che per qualche decina di metri.

Dal momento che i mari della terra sono molto meno conosciuti del sistema solare, riuscire a trasmettere sott’acqua, significherebbe poter controllare una flotta droni che si aggirerebbero negli abissi per svelarne i segreti.

L’obiettivo piuttosto ambizioso di creare una rete internet subacquea è di un team di scienziati italiani coordinato dalla dottoressa Chiara Petrioli che operano all’Università La Sapienza di Roma e che hanno creato il progetto Sunrise.

“La capacità di trasmettere a causa dell’increspatura del mare può cambiare persino nell’arco di pochi minuti, - spiega la dottoressa Chiara Petrioli. - Rendere affidabile il collegamento tra due dispositivi è possibile solo attraverso una rete in grado di apprendere dinamicamente il miglior modo di operare e di instradare le informazioni, una sfida tecnologica che è stata uno dei principali obiettivi di Sunrise.”