SVN logo

Loick Peyron si ritira dalla The Transat e fa rotta verso la Francia

Loick Peyron sul Pen Duick II in navigazione
Loick Peyron sul Pen Duick II in navigazione
Eric Tabarly sul Pen Duick II

Un danno allo strallo di prua impedisce a Peyron di proseguire di bolina

Abbonamenti SVN
ADV
Oceano Atlantico – Loick Peyron, la leggenda della vela francese che stava partecipando alla Transat Bakerly a bordo del Pen Duick II, la barca costruita nel 1964 che fu di Eric Tabarly con il quale vinse un edizione della Ostar (la The Transat ripropone la rotta di quella regata e le sue regole), è stato costretto a cambiare rotta e tornare verso la Francia dopo aver avuto problemi allo strallo di prua.

Peyron stava navigando senza l’ausilio di strumenti elettronici, a bordo solo una radio con sistema AIS.

La rotta per New York, dove si trova il traguardo della The Transat è di bolina e con quell’andatura Peryon rischiava di perdere l’albero, quindi ha deciso di cambiare rotta e mettersi con il vento a poppa, scaricando così lo strallo di prua e tornare verso Quiberon sede della scuola di vela nazionale francese.

La regata in breve
The Transat Bakerly - La regata è partita lo scorso 2 maggio da Plymouth, in Inghilterra, per traversare l’Atlantico settentrionale e arrivare a New York sulla costa occidentale degli Stati Uniti. 3.000 miglia di oceano a latitudini difficili dove le perturbazioni si susseguono e mettono a dura prova gli equipaggi.

IMOCA 60, Class 40, Ultime, Multi 50, le migliori classi per solitari che partecipano alla regata.